Croatiae auctorum Latinorum bibliographia: persona cipik02

CroALa, 2017-11-22+01:00.

Persona cipik02

Cipiko, Ludovik Aloysius Cipicus Alvise Cippico 16.9.1456. Trogir 14xx_3_third 2.3.1504. Rim

LHP

Padova Rim Poezija panegirik epigrami, poslanica Patauii studuit; iuris utriusque doctor Epigramma: Cippico Tragurio adolescenti erudito Cippice, qui teneris tantum mihi carmen in annis Concipis, o canus, Cippice, quid facias? Raffaele Zovenzoni Istrias 2, 81 Il C. dedicò al maestro Raffaele Regio di Bergamo, un epigramma latino di dieci versi ( Cippicus ad lectorem: Quem petis o lector studiose Terentius hic est) che fu inserito in un'edizione delle commedie di Terenzio, risalente presumibilmente al 1473 e stampata a Venezia. (DBI) Hexametri 124. In MS Clm 716, BSB, ff. 130r-132r. Epigramma che il Cippico scrisse per commemorare l'amico Giovanni Afitonio Quinteri, morto nel 1482. Vat. lat. 2874. (DBI) 12 dic. 1482 inviò al doge Giovanni Mocenigo un poemetto sulla guerra di Venezia contro Ferrara. L'opera, edita da G. Praga (Un poemetto di A. C. sulla guerra di Ferrara del 1482, ibid., t. XIX [1930], 553 pp. 330-39), si compone di una epistola dedicatoria al doge, "Serenissimo Principi et excellentissimo Domino D. Ioanni Mocenico inclito Venetiarum Duci et domino suo Alovisius, Cipicus", di un poemetto costituito di 257 esametri, Aloysii Cipici iurisconsulti et poetae panegyricus in Senatum Venetiarum, e di un Pronosticon formato da tre distici. (DBI) Morto nel 1483 il vescovo di Traù, Iacopo Torlono, il Consiglio dei nobili di Traù deliberò, nella seduta del 27 nov. 1483, di indicare il C. come suo successore. (DBI) La bolla del 1° nov. 1486 con la quale Innocenzo VIII conferì al C. alcuni benefici, qualificandolo "familiaris noster" (DBI) Il 1° ott. 1488 Andrea de Romanis Taiafangis di Calabria, vicario arcivescovile di Zara, al quale fu rivolta la richiesta, constatata la regolarità delle lettere apostoliche, concesse al C. l'investitura del canonicato. (DBI) elezione al vescovato di Famagosta nell'isola di Cipro, avvenuta il 22 ott. 1489 (DBI) In questa occasione l'umanista padovano Palladio Fosco scrisse al C. un encomio poetico, che fu incluso nell'edizione postuma dell'operetta De situ orae Illyrici (Romae 1540). (DBI) Cardinale Rodrigo Borgia, divenuto papa Alessandro VI, lo impiegò come segretario ab epistolis. (DBI) Post mortem patris Coriolani ad fratres Petrum, Christophorum, Hieronymum et Ioannem epistolam consolatoriam misit, quae edita esse dicitur Venetiis 1606 (Praga p. 320 n. 4). Nel 1494 pare che offrisse al pontefice la sua perizia letteraria per interpretare alcune lettere scritte in greco dal sultano Bāyazīd II. (DBI) Alessandro VI, nel 1500, gli sottrasse le rendite del vescovato di Famagosta, per motivi da noi ignorati. (DBI) Il pontefice Giulio II ricompensò la privazione subita dal C., nominandolo arcivescovó di Zara nel dicembre 1503. (DBI) (Cippicus Romae mansit.) 5. in eodem plausu: ad Cippicum Iadriensem praesulem gratulatio Iam longa quanvis attulit secum dies Oblivionem saepe rerum desidem, Antistes alme virque quam doctissime, Tui memoria pertinax semper tamen 5 Mihi resedit sede mentis intima. Ut flore quondam te iuventae in optimo Vigere studiis litterarum vidimus Ac dehinc honesta prosequentem maximos Et liberali servitute Principes, 10 Ut mox adeptum te brevi percepimus Opes, honores ac laborum praemia. Tum gratulabar, sed tacens tamen, tibi Bonis quod ultro sic faverent sydera. At nunc quid unus maximis in omnium 15 Tacere possim plausibus, cum proxime Tuus supremum principum Princeps decus Domum revertens expetitus omnibus Insedit alto principatus culmine, Cui christiana pareat res publica 20 Et Roma sanctum proferat vetus caput, Frequensque ad inferos manus Quiritium Fama locati tam decenter muneris Non usitato perfruantur gaudio? At qui supernas incolae sedes tenent 25 Nobis favere iam libenter annuant, Quod rite ducti legibus, tandem bono Boni volentes degimus sub Principe. Augurelli, Giovanni Aurelio Ioannes Aurelius Augurellus Rimini 1456 - Treviso 1524 iambici libri 3, 5 Nel gennaio, 1504, il Senato di Venezia ricorse alla sua mediazione per la controversia in atto con il pontefice, il quale non riconosceva alla Repubblica il possesso delle città di Romagna. (DBI) Il C. morì a Roma il 2 marzo 1504 e fu sepolto in S. Pietro. (DBI) L'avvenimento (di arcivescovato) fu celebrato in uno dei Carmina di Giovanni Aurelio, Augurello, editi a Venezia nell'aprile 1505. (DBI) Michael Claudius / Clodius (Michele Chiudi) Tragurinus, iuris utriusque doctore, episcopus Polianensis (Polignani), fecit tumulum Cippico (ed. Praga, p. 316).

ID

Auctoritas PND: 104230754

Opera

Numero: 3

cipik02-p01-1493 Epistola consolatoria Aloysii Cippici, episcopi Famagustani
cipik02-c01-1482 Panegyricus in Senatum Venetiarum
cipik02-c02-14xx
cipik02-c04-1473 Cippicus ad lectorem